Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Panoramica

Impegnativo trail sul versante nord del massiccio del Grappa su sentieri escursionistici e strade sterrate e asfaltate.

Si sale rapidamente per 10 k tra mulattiere e strade sterrate: quasi l’intero dislivello è concentrato in questo primo tratto, con passaggi in falsopiano e salite molto ripide.

Al termine della salita si attraversa un’ampia zona a pascolo prima di iniziare la discesa (da malga Fontana Secca), prima su strada sterrata poi per un sentiero nel bosco e poi, dopo un breve tratto di strada sterrata, per una ripida mulattiera per raggiungere il Ponte d’Avien e da qui il punto di partenza.

Questo percorso lo abbiamo fatto con la guida di Luca De Bortoli, architetto e operatore naturalistico e ambientale del CAI, titolare dell’agenzia Alpinia Itinera.

Chilometraggio

Km 25

Si inizia con la prima parte dell’anello escursionistico dell’Avien (anello ben segnalato di 13k) che si affaccia sulla valle del torrente Stizzon (i primi 8 k dal percorso) per portarsi poi sul versante opposto fino a raggiungere malga Fontana Secca (12 k dalla partenza) e rientrare per mulattiera e bosco completando l’anello dell’Avien.

Dislivello positivo

D+ 1250

Descrizione tecnica

Dall’antica fornace si sale per 2 k per Case Centa e alla borgata di Costa Chiani.

Poco dopo la partenza si prende a sinistra in salita

Dopo poco, dal Col di Coa, si imbocca l’agevole mulattiera di Rommel fino al quinto chilometro, con più attraversamenti del greto del torrente Avien.

Sulla mulattiera di Rommel

Al termine della mulattiere si prosegue per un’ampia strada ricavata con uno sbancamento (poco gradevole) fino al monte d’Avien

Sbancamenti perchè?
Casera Aquilino raggiunta dopo 700 metri di dislivello

Si raggiunge, quindi, la cresta boscosa che separa la Valle di Seren del Grappa dalla Valle di Schievenin.

Seguendo l’Alta Via degli Eroi (dopo 7 km e mezzo dalla partenza), per una ripida e impegnativa salita nel bosco e un attraversamento in piano di un ampio pascolo in quota, si raggiunge il punto più elevato del percorso e poco dopo, Malga Fontana Secca, bene FAI.

Malga Fontana Secca

Qui siamo in quella che fu la prima linea di battaglia tra italiani e austriaci che si fronteggiavano su crinali opposti….

Si prosegue poi per Stalla Val Dumela passando per una zona ricca di cimeli storici tra cui ex cimitero austro-ungarico. In questa zona (15 – 17 k dalla partenza) si ha l’ultimo strappo in salita … poi è tutta discesa (non facile).

Cimitero Austro-ungarico
Malga Val Dulmela con il caratteristico tetto di paglia

Attraversando nuovamente l’arco di roccia ….

…. si scende per il sentiero n. 843 e si segue poi la comoda strada silvo-pastorale che conduce al Pian de Giacon.

Per ripida mulattiera si raggiunge il Ponte d’Avien e, seguendo la strada asfaltata, si torna in breve al luogo di partenza.

Punto di partenza

Parcheggio dell’antica fornace in Val di Seren, raggiungibile dal paese di Seren del Grappa procedendo per 7 km lungo la strada che costeggia il torrente Stizzon

Profilo altimetrico

Mappa

Traccia GPS

Punti di interesse

Autore

Gianni Marconato in collaborazione con Luca De Bortoli di Alpinia Itinera http://www.alpinia.eu/

Print Friendly, PDF & Email

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *