Itinerario 23 – Giavera del Montello (Vettorel) per La Militare e le Prese 5, 9, 7 e 8

1 Lug di admin

Itinerario 23 – Giavera del Montello (Vettorel) per La Militare e le Prese 5, 9, 7 e 8

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Panoramica

Un bel percorso di 12 k immerso nel bosco, nervoso con tanti saliscendi, di buon impegno (D+ 200 metri), su terreno prevalentemente sterrato interamente sul versante sud del Montello. Si inizia salendo sulla Dorsale per la Presa 5 e si scende fino allo Stradon del Bosco per un primo tratto della 7, poi per La Militare per scendere lungo la Presa 8 risalire per la 7.

Chilometraggio

Lunghezza 12,300 chilometri

Dislivello positivo

D+ 210 metri

Descrizione tecnica

Dal parcheggio si scende in via degli Alpini per girare a destra e subito dopo nuovamente a destra per la Presa 6, via Carretta. Qui inizia un bel tratto di sterrato e si è completamente immersi nel verde.

Dopo circa un chilometro, al bivio, si tiene la sinistra (Presa 5), si procede fino alla Dorsale e si gira a sinistra percorrendola fino alla Presa 7 quando si gira nuovamente a sinistra per la Presa 7

Attaco della presa 7 – Giorini dalla Dorsale

Si percorre questo primo tratto fino alla strada asfaltata (Via degli Alpini) quando si gira a sinistra e subito a destra per La Militare

Si inizia La Militare dalla strada per Santi Angeli

….dove è possibile incontrare qualche sorpresa ….

Dopo un temporale (ora strada libera)

Si procede per in un tratto ondulato per 2 km quando ad un incrocio con il segnale di precedenza (vedi foto) ma senza segnalazione di Presa, si tiene la sinistra in discesa per la Presa 8 (che non è segnalata)

Qui inizia una bella discesa all’interno di una vallata circondata da prati aperti e boschi. Proprio per questa caratteristica è una presa molto frequentata da runner, camminatori e ciclisti

Dopo poco più di 2 km in discesa si arriva ad un bivio (vedi immagine qui sotto) si prende a destra (continuazione della Presa 8) : qui la strada (sempre in discesa) si fa ripida e con alcuni tornanti ma prima di terminare sullo Stradon del Bosco si impenna per una breve ma ripida salita.

Scollinato, la strada diventa asfaltata e dopo poco più di un chilometro si arriva allo Stradon del Bosco. Qui si mantiene la sinistra per poco meno di un chilometro fino all’inizio della Presa 7 che si percorre in salita, anche questa con tratti ripidi, ma con qualche falsopiano che consente di recuperare.

Poco dopo l’inizio si incrocia un capitello con annessa grotta simil Lourdes

Poco dopo la grotta, ad un bivio, si tiene la destra (continuazione della Presa 7) in piano. Tenendo la sinistra, in salita, ci si ricongiunge con la Presa 8

Dopo circa 3 km di salita impegnativa si ritorna su via degli Alpini dove girando a destra, con una breve discesa si trova sulla sinistra la salitina d’ingresso della trattoria Vettorel.

Punto di partenza

Parcheggio della trattoria Vettorel a Giavera del Montello con accesso dalla Schiavonesca per Via degli Alpini. Punto strategico per il running collinare, già dentro il Montello, in quota e con ampia scelta di percorsi di differente lunghezza e dislivello. Altri percorsi per partenza da qui: itinerari 21 e 22

Profilo altimetrico

Due

Mappa

Traccia GPS

Punti di interesse

Sul carsismo del Montello https://www.marcadoc.com/grotte-del-montello/

Storica grotta di Lourdes

Esempio di devozione popolare. Portata a termine nel 1908 per conto ed interessamento dell’agricoltore di Selva Giovanni Gastaldo. E’ interamente costruita con “crode” del Montello. E’ articolata su più piani: uno a livello del terreno con l’altare e le due statue della Vergine e di Bernardetta, uno sotterraneo dove, nel periodo natalizio, viene allestito un suggestivo presepio con statue di legno artisticamente scolpite da un artigiano della Valgardena, e uno superiore cui si accede tramite una scalinata esterna che termina con un’edicola della Madonna e da cui si gode il panorama di tutta la pianura sottostante.
Festa: 11 Febbraio 26 Dicembre.

Autore

Gianni Marconato con l’aiuto dei compagni di viaggio Angela Cossu e Fabrizio Barbon

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *