29 Lug di admin

Itinerario … Miane – Rifugio Posa Puner

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Panoramica

Impegnativo percorso sulla dorsale Visentin-Cesen con il punto di arrivo posto sotto il monte Cimone e sul sentiero panoramico dal Grappa al Cansiglio (Altavia Grappa-Cansiglio – TV1). Si sale prima per una carrareccia e poi per il sentiero 989 alla Forcella Mattiola e poi sulla carrareccia da Praderadego fino al rifugio.

Chilometraggio

Km 17

Dislivello positivo

D + 966 mt.

Descrizione tecnica


…..

Punto di partenza

Piazzale del santuario della Madonna del Carmine posto già a 500 metri, che si raggiunge da Miane attraverso un’ampia e comoda strada. La nostra traccia GPX inizia e termina qui.

Si può anche partire dal centro del paese percorrendo la vecchia strada che sale sul costone sinistro della Valletta, fiancheggiata dai capitelli della via crucis. Con questo ulteriore tratto si aggiungono circa 5 chilometri al nostro percorso,

Profilo altimetrico

Mappa

Traccia GPS

Punti di interesse

Santuario del Carmine

Il Santuario Madonna del Carmine, sorge a circa m. 500 s.l.m., nella Valletta di Visnà di Miane e venne eretto nel 1819 su resti risalenti al 5- 600 a ricordo di un pubblico voto dei Mianesi a protezione da una grave calamità.

Rifugio Posa Puner

Si trova su un insellatura delle dorsale principale poco sotto il Monte Cimòn in posizione dominante i colli trevigiani ed in vista delle Dolomiti. E’ stato costruito dal Gruppo Alpini di Miane negli anni 1973-1977. Dal Rifugio partono numerosi sentieri, ben segnalati, che si snodano in ambienti montani di suggestiva bellezza, permettendo al visitatore di spaziare dalla laguna Veneta alle Dolomiti.
Rimane aperto tutto l’anno con le strade d’accesso che nel periodo invernale sono sempre aperte. C’è anche una posta per cavalli per coloro che amano il trekking a cavallo.

Escursioni principali
• a Malga Mariech, 1502 m, ore 1,20-1.30 T, per la stradina che aggira il Monte Cimòn e poi dalla successiva forcella
si scavalcano i successivi cimotti del Col di Osei, Posanòva e Mariech fino alla malga;
• al Monte Garda, 1333 m, e Malga Garda, ore 2.00-2.15 T, per carrareccia (sent. 1010), aggirando casera Fedèra e
Colle Forcòna e scendendo in Val mariech per poi risalire (sent. 860) al monte e alla malga;
• a malga Mont, 1300 m, e Forcella della Fede, ore 1,30-1.45 T, per stradina forestale (s.n.) verso casere I Pian e
poi, ritornata sulla dorsale, prosegue verso la malga a la forcella

Autore

Luigino Menegon

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *