Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ATTENZIONE: POSSIBILITA’ DI MOUNTAINBIKERS IN VELOCE DISCESA.

EVITARE DI TRANSITARE DI SABATO E DI DOMENICA MATTINA

Panoramica

Quattro segmenti in rapida (e ripida) sequenza per poco meno di 10 k e 320 metri di dislivello (distribuiti su 7 km e mezzo). Pendenze importanti, passaggi impegnativi, continui saliscendi, fondo stradale dalla terra battuta, alla roccia, passerelle in legno, canaloni tra mura di roccia, un paradiso anche per l’anima.

I segmenti che compongono questo itinerario sono descritti nel dettaglio nel Segmento 100.3. Il Gongolo e descritto nel Segmento 100.1

Chilometraggio

10 K

Dislivello positivo

D+ 320

Descrizione tecnica

Da Venegazzù, per via Spineda, si raggiunge la strada Militare e dopo un centinaio di metri, all’altezza di una piantagione di noci, si tiene poi, a sinistra, per l’inizio del Gongolo.

Dopo 200 metri di Gongolo si tiene la destra per entrare nello Snake

Dopo poco meno di un chilometro la strada spiana e si sbuca in una traversa (a destra si va alla Militare, a sinistra al Canyon 2020) mentre noi proseguiamo dritti per Sabotage.

Accesso sud al Sabotage

Quando la strada spiana nuovamente si tiene la sinistra fino all’inizio del Canyon 2020 (cartello “Canyon”)

Da qui si scende fino ad incontrare una traversa (cartello “Rallentare incrocio”) quando si tiene la destra che porta circa a metà del Gongolo.

Si percorre il Gongolo in discesa fino alla deviazione per lo Snake e il Canyon 2020 quando si segue la traccia a sinistra.

Accesso sud al canyon 2020

Si sale per il Canyon 2020,

…. si oltrepassa l’incrocio dove si era passati prima e si ritorna nuovamente sulla traversa verso la Militare e il Sabotage. Qui si tiene la destra, si oltrepassa l’accesso del Sabotage, si prosegue per altri 200 metri fino ad un incrocio di stradine dove si prende quella di sinistra in salita e si sbuca sulla Militare all’ingresso della polveriera. Qui si scende in velocità lungo la Militare (tutta asfaltata anche di un asfalto non perfetto, essendo la strada dismessa da una decina d’anni). Raggiunto lo Stradon del Bosc, lo si attraversa e proseguendo per via Spineda si raggiunge il punto di partenza.

Una intrigante alternativa è di scendere dalla Polveriera attraverso la PS£ Polveriera o la DH San Martino Nord percorrendo un bellissimo canyon (vedi Segmenti 100.5 e Itinerario Anello del canyon di San Martino).

Punto di partenza

Venegazzù, parcheggio del supermercato davanti la chiesa.

Profilo altimetrico

Mappa

Traccia GPS

qui

Punti di interesse

Autore

Gianni Marconato

Print Friendly, PDF & Email

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *